E’ arrivata la cicogna – Primo trimestre di gravidanza

Eccomi di nuovo qui a parlavi di questa nuova avventura, che è la mia gravidanza, nel paese dei chip butty.

A detta di tutte, il primo trimestre è il periodo più critico, sia per quanto riguarda la neo-mamma che per il piccolo embrione, che solo dopo la 12esima settimana avrà il titolo di, nientepopodimenoche, feto!

E’ molto delicato anche perchè il rischio di aborto (miscarriage) è molto alto, ma anche perchè il corpo della donna ha bisogno di adattarsi a tutti i cambiamenti che stanno avvenendo soprattutto a livello ormonale… ma non mi dilungherò su questo, non essendo nè medico, nè tantomeno un’ostetrica.

Ma cosa succede durante i primi tre mesi?

Il primo trimestre

Sicuramente, la prima cosa che accade è quella di scoprire di non essere più sole, ma di avere una piccolissima compagnia, un puntino, una lenticchia :)

La prima cosa che io ho fatto è stato, chiaramente, il test di gravidanza e appuratone la positività ho fissato un appuntamento col il mio GP – General Practitioner (l’equivalente del medico di base italiano) sicura che mi avrebbe prescritto le famosissime beta (ossia le analisi su sangue per individuare la presenza della hcg, l’ormone della gravidanza), e la prima ecografia prematurissima per appurare che il mio puntino fosse davvero lì dove credevo fosse :)

Ebbene, dimenticate tutti i racconti che vi potranno o vi possono arrivare dalle vostre amiche/parenti italiane, analisi del sangue, eco e contro eco… niente di tutto questo è accaduto per me qui.

Prima Visita col GP

Dunque alla prima visita col GP sono stata subito informata che non ci sarebbero state analisi, nè ecografia (visto che ero di appena 5 settimane) e che avrei dovuto aspettare pazientemente lo scadere delle 12 settimane, ossia che il mio piccolo puntino/embrione fosse passato al livello successivo, quello di feto!

Mi è stata, inoltre, anticipata quale, presumibilmente, sarebbe stata la mia due date (o data presunta del parto) e consigliato di iniziare a prendere l’acido folico + vitamine (l’acido folico, in particolare, aiuterebbe a prevenire la comparsa di malformazioni al feto quali come la spina bifida, sarebbe infatti utile iniziare ad assumerlo già prima del concepimento, qualora stesse cercando un/a bimbo/a, o non appena scoperto di essere incinte).

In ultimo mi è stato detto di prendere un appuntamento con la midwife, ossia l’ostetrica che ti accompagnerà e si prenderà cura di te durante l’intero periodo della gravidanza fino al giorno del parto e nel periodo post-natale.

Le analisi del primo trimestre

Dopo aver fatto conoscenza con la propria midwife, vi verrà consegnato un fascicolo che conterrà la vostra storia clinica e del vostro partner e verrà in seguito aggiornato con tutte le vostre analisi eco e appuntamenti presi.

Inoltre nel fascicolo, chiamato Maternity Care Record, vi sono tutte le informazioni riguardo la gravidanza e l’ “antenatal visits plan“, ossia il piano di visite e analisi prenatale.

Vi riporto di seguito, a grandi linee, tutte le analisi del primo trimestre:

7-9 weeks – Primo incontro con la midwife dove verrano saranno richieste tutte le informazioni sulla vostra storia clinica, saranno fatte le prime analisi del sangue e delle urine, verrà misurata la pressione del sangue, e vi sarà consigliato di smettere di fumare (nel caso foste fumatrici).
Inoltre verrà fissata la prima vostra ecografia dove finalmente potrete conoscere il vostro dolce e speciale ospite.

11 – 13 weeks – Finalmente avrete la vostra prima ecografia, Down’s screening scan o Translucenza nucale, che valuta il rischio di anomalie cromosomiche durante i primi stadi di vita fetale.

Diritti delle mamme lavoratrici

Come avete visto, nel primo trimestre le analisi a cui sottoporsi sono davvero poche, la midwife la vedrete poche volte se, e ve lo auguro, la gravidanza procederà per il meglio.

Tuttavia, per chi lavora, anche quelle poche visite sono ore di permesso da richiedere al proprio employer e se è vero che non siete obbligate ad informalo del vostro stato di gravidanza fino a 15 settimane prima della data presunta del parto io vi consiglio, comunque, di farlo quanto prima.

Mettere al corrente il vostro datore di lavoro della vostra dolce attesa al più presto vi permetterà di accedere a quelli che sono i vostri diritti come “donna incinta”. Secondo la legge inglese, infatti, avrete diritto alle visite prenatali pagate, per esempio.

Inoltre, se non siete iscritte a nessun sindacato al quale poter chiedere consiglio, vi invito a consultare questo link dove troverete tutte le informazioni sui I diritti delle lavoratrici in stato di gravidanza (Pregnant employees’ rights).

Concludendo

Spero che queste poche informazioni possano esservi d’aiuto e come al solito vi invito a condividere le vostre esperienze e nel caso ad aggiornare, quanto riportato, con ciò che trovate sia utile aggiungere.

Al secondo trimestre :)

(709)

Comments

comments

E’ arrivata la cicogna – Primo trimestre di gravidanza

| E' arrivata la cicogna, Tempo Libero | 0 Comments
About The Author
- Quasi neo mamma in terra di Albione.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>